Stampa
Categoria: Penitenziari

Questa O.S. ha avuto modo di rilevare alcune anomalie operative nella materia in oggetto in special modo per quanto concerne l’ingresso di soggetti, tratti in arresto ovvero destinatari di provvedimenti restrittivi della libertà personale, per reati implicanti l’assegnazione nel circuito di “alta sicurezza 3” (Circolare DAP 3619/6069 del 21 aprile 2009) nelle ore notturne.
La Casa Circondariale di Catania Piazza Lanza è deputata all’accoglienza di soggetti rientranti nel circuito di “media sicurezza” e, pertanto non rientranti nel novero di quelli a cui sono contestati reati che fanno presupporre l’appartenenza a consorterie criminali organizzate; in particolar modo nel territorio
Catanese insiste anche la Casa Circondariale di Catania “Bicocca”, quest’ultima deputata in maniera quasi esclusiva alla restrizione di soggetti ad “Alta Sicurezza” ovvero appartenenti alla criminalità organizzata.
Nell’istituto in oggetto l’operatività dell’Ufficio Matricola, che come noto è una specializzazione del Corpo di Polizia Penitenziaria, pertanto, non demandabile a nessuno, se non a personale in possesso di tale specializzazione ed inserito organicamente in detto Ufficio, è garantita dalle ore 07,00 alle ore 24,00 con
esclusione, pertanto, delle ore notturne nelle quali il procedimento di ingresso in istituto dei nuovi giunti è esclusivamente demandato al Coordinatore della Sorveglianza Generale senza l’importante apporto tecnico giuridico di detto Ufficio. Inoltre, capita sovente che a svolgere le mansioni di Coordinatore della
Sorveglianza Generale sia un’unità appartenente al ruolo degli Agenti ed Assistenti, attesa la cronica carenza di figure appartenenti ai ruoli dei Sovrintendenti e degli Ispettori in cui versa l’istituto di Catanese. Si evidenzia che il Coordinatore della Sorveglianza Generale, nelle ore pomeridiane e nelle ore notturne, è la
massima autorità presente in Istituto con conseguente presa in carico di molteplici responsabilità che spaziano dalla precipua salvaguardia e custodia delle persone detenute fino alla salvaguardia della struttura nonché alla responsabilità e gestione di tutto il personale operante nel turno. Continua nell'allegato